Pettirosso Agordino (ex-Cucchini Agordino), sensibile ai temi che riguardano la salute ed il prendersi cura è da sempre impegnata a promuovere per gli Agordini un’offerta di servizi omogenea ed integrata, secondo gli standard assistenziali di cure palliative e di fine vita, sia al domicilio del paziente, che in ospedale. Nel 2016, l’Azienda Sanitaria ha aperto l’ambulatorio di cure palliative e dal 2017 è stata costituita ufficialmente l’equipe di cure palliative, come peraltro sollecitato nella disposizione di Legge Nazionale 38/2010 e nella Legge Regionale 7/2009.
Nell’Agordino si sta creando a tutti gli effetti la rete multidisciplinare a servizio degli ammalati e nella quale anche il Pettirosso collabora.
Dal 2018, il Pettirosso ha ampliato l’offerta di servizi anche nell’ambito delle malattie dementigene. Oltre all’Azienda ULSS 1 Dolomiti, si sta a tal proposito instaurando un’ importante collaborazione anche con l’Azienda Speciale Consortile Agordina. I volontari Pettirosso, la linfa dell’associazione, necessitano di costante formazione e al bisogno, un affiancamento psicologico. A tal proposito è stato elaborato un progetto per reinserire nell’organizzazione la figura della psicoterapeuta, attualmente in maternità. Ricoprirà il ruolo importante di coordinamento dei volontari, parteciperà alle riunioni quindicinali con l’equipe di cure palliative e potrà essere di eventuale supporto per seguire direttamente degli utenti segnalati. A ulteriore allargamento dell’offerta di servizi, si effettuerà un’analisi di bisogno rispetto alla figura del fisioterapista. Questi obiettivi richiedono un importante impiego di risorse umane ed economiche.
L’Associazione Nuovi Traguardi ha offerto la propria collaborazione economica per la realizzazione del progetto.
Fin dalla nascita Nuovi Traguardi opera per favorire la rapida adozione di ogni nuovo presidio diagnostico e terapeutico, compresa l’assistenza psicologica, affinché i malati con leucemia, linfoma o mieloma della nostra Provincia non siano penalizzati dalla peculiare segregazione geografica e dall’assenza di Centri Ematologici ad elevato livello di specializzazione. Naturalmente, in una provincia con così pochi abitanti come Belluno, non è neppure immaginabile un servizio di assistenza psicologica diretto ai soli malati ematologici; va da sé che debba interessare tutti i malati oncologici. Pertanto Nuovi Traguardi ritiene che la collaborazione con Pettirosso Agordino per la realizzazione del suddetto progetto sia perfettamente in linea con i dettami del proprio statuto.
La serata di teatrale vuole essere l’occasione per annunciare l’avvio di questa nuova collaborazione. Pettirosso Agordino, Nuovi Traguardi e Belluno Ciak sono quindi lieti di poter dimostrare come tanti attori, pur rispettando le proprie finalità associative, possano lavorare in sinergia nell’ottica di promuovere il bene per le persone affette da malattia evolutiva ed irreversibile nello spirito delle cure palliative: SI PUÒ FARE!